LA CLASSIFICA

Cari “colleghi” investitori, come da tradizione con la chiusura del trimestre, ho aggiornato il ranking delle migliori piattaforme di p2p lending su P2P Italia.

Ho voluto anticipare la pubblicazione dell’aggiornamento, perchè, dopo un periodo molto stabile, ultimamente ho rilevato un po’ di cambiamenti nell’andamento del “mercato” del p2p lending. Soprattutto per alcune piattaforme, che mettevo al top da un po’ di tempo, ci sono novità che ho ritenuto opportuno rilevare e che hanno influenzato sostanzialmente sulle mie valutazioni. Troverete quindi, per la prima volta da almeno tre aggiornamenti, questo ranking cambiato nelle prime posizioni.

Entrando un po’ più nel dettaglio, in Mintos è drasticamente calata la disponibilità di prestiti e, allo stesso tempo, ridotta la media di tassi di interesse offerta. In Recrowd, da più parti ho avuto segnalazioni di un periodo di ritardi che sembra non si affievolerà in futuro, vedendo anche la particolare situazione del mercato immobiliare italiano (in termini molto generali, aumento della difficoltà di liquidare gli immobili e rallentamenti nei lavori generali). Entrambe le ho dovuto togliere dalla mia personale categoria “top” per questi motivi.

Ho poi mantenuto la modifica nelle categorie di valutazione. Se vi ricordate nell’ultimo trimestre avevo aggiunto la liquidabilità dell’investimento come elemento importante nel valutare una piattaforma. Dai commenti che mi sono arrivati, è stata una mossa molto apprezzata, per cui l’ho tenuta e la terrò per tutti gli aggiornamenti futuri.

Passo quindi all’aggiornamento della classifica, non prima del solito disclaimer (che anche se scontato, preferisco sempre ricordare).

.

Disclaimer: Sono ovviamente tutte frutto di valutazioni puramente personali e unicamente svolte da me, fatte allo stato attuale delle cose e derivate dalla mia esperienza e ricerche. Sono ordinate in modo decrescente, secondo i miei obiettivi di investimento; voi, guardate ai vostri!. Mi è possibile aggiornare tale pagina solo trimestralmente (anch’io ho una pagnotta da portare a casa 🙂 ), quindi non è in tempo reale: raccogliete anche altre informazioni, soprattutto sulle piattaforme più rischiose!

PIATTAFORME TOP

Capitalia: I tassi di ritardi e di reali default rimangono bassissimi per il tipo di finanziamento che offre (quello alle pmi baltiche). E’ stato da poco introdotto l’autoinvest. Rendimenti anch’essi buoni, non è raro trovare prestiti oltre al 12%, con ottime occasioni al 14-15, se si accettano fasce di rischio maggiori). E i richiedenti spesso hanno buone situazioni finanziare di partenza. I prestiti sono a medio lungo termine (i tempi medi si stanno allungando), senza possibilità di rivendita.

Recensione Capitalia

Twino: I tassi di interesse fra il 12 ed il 13% che compongono l’offerta in questa piattaforma sono il motivo per cui la alzo fra le piattaforme top, considerando il ribasso delle altre. Oggi gran parte dell’offerta si concentra in un solo paese, la Polonia, e questa è l’unica pecca. Si investe in securities quotate. Mercato secondario molto liquido.

Recensione Twino

PIATTAFORME BUONE

Viainvest: Le notes a sei mesi con tasso di interesse del 13% diventano oggi ancora più attrattive, considerando la situazione generale di ribasso tassi. A questo si aggiunge il fatto di offrire una disponibilità di prestiti molto elevata. Non è presente il mercato secondario.

Esketit: Le disponibilità di prestiti vanno a periodi: non sono rari momenti di cash drag. Però i rendimenti (oggi fra 11 e 12%) sono comunque molto buoni nella media generale, considerando la solidità di Creamfinance. E’ presente un mercato secondario molto liquido per rivendere i prestiti.

Recensione Esketit

Afranga: Il tasso standard di interesse offerto è del 10%, motivo per cui non la metto più in alto. E’ sempre possibile trovare una buona disponibilità di prestiti anche a brevissimo termine. La solidità di Stikcredit (il suo loan originator) completa il quadro di questa piattaforma. Mercato secondario molto liquido.

Recensione Afranga.

Recrowd: Recentemente è stato registrato un repentino aumento dei ritardi dei progetti, legata a particolari situazioni del mercato immobiliare italiano, motivo per cui la rischiosità di investire in piattaforma è aumentata e la tolgo dalle top. Anche perchè i prestiti sono a medio lungo termine, senza possibilità di rivendita. Il vantaggio di Recrowd rimane quello da fungere da sostituto d’imposta.

Recensione Recrowd

Mintos: Nell’ultimo periodo si sono abbassati molto i tassi di interesse, in tutte le fasce durata dei prestiti. Anche la quantità di offerta è diminuita. Il rapporto generale di rischio rendimento, sui nuovi prestiti, è peggiorato rispetto all’anno scorso. Sono situazioni cicliche, sarà da attendere. Per ora la tolgo dalle top. Il mercato secondario è molto attivo, ma c’è una fee dello 0,85%.

PIATTAFORME CON ALTI E BASSI

Robocash: Abbasso ancora Robocash perchè purtroppo, oltre ai cali dei tassi di interesse dell’anno scorso, comincia a diminuire anche la disponibilità di prestiti in piattaforma. Rimane un’ottima alternativa per chi cerca la solidità della finanziaria al rendimento. Ad oggi, con molti investitori, il mercato secondario è molto liquido.

Recensione Robocash

Fintown: Piattaforma di prestiti immobiliari in grande espansione che riconosce agli investitori alti interessi (anche al 14% con rare occasioni più alte). Non rientra nella regolamentazione europea crowdfunding (vedo quindi tutele per l’investitore minori). Ad oggi non è presente un mercato secondario, ma ne è prevista l’attivazione in futuro. Prestiti bullet per lo più.

Recensione Fintown

Swaper: Sono usciti i dei bilanci di Wandoo (la finanziaria che gestisce i prestiti e copre i buyback). Per la prima volta in utile dopo vari anni e il patrimonio netto sta migliorando. Aumenta la trasparenza, la solidità finanziaria sembra in miglioramento, per cui la alzo di molto nel ranking. Si rilevano ancora un po’ di cash drag importante in piattaforma, che in parte influenza l’alto rendimento offerto dai loan originator (14% di standard, che può arrivare anche al 16% con i bonus).

Lande: Piattaforma sempre attiva in un settore abbastanza di nicchia (lending ad aziende agricole baltiche), Si trovano offerte che in termini di rendimento sono buone, nella situazione attuale: alcune arrivano al 12%. Le durate di prestito comunque sono normalmente lunghe (1-3anni), senza mercato secondario per poterli liquidare in anticipo. Qualche ritardo segnalato, non isolati purtroppo.

Recensione Lande.

Peerberry: La disponibilità di buoni prestiti in piattaforma è stata nettamente inferiore alla richiesta degli investitori. I periodi di cash drag sono una costante che abbassa molto i rendimenti. I gruppi finanziari comunque finora sono sempre risultati affidabili, nonostante la presenza di vari giovani loan originator al loro interno. Non è presente un mercato secondario.

Recensione Peerberry

Prepay: Piattaforma pienamente tornata operativa dopo l’ottenimento della regolamentazione Consob. Molto performante nei progetti immobiliari, che oggi sono rimasti, nella sostanza, l’unico settore proposto, dopo i molti problemi di ritardo nel settore business, che per il momento è stato escluso dalle future proposte. I prestiti sono a medio lungo termine, senza possibilità di rivendita.

Disclaimer di trasparenza: sono coinvolto, come privato, in una collaborazione stretta con il team Prepay.

Income Marketplace: Ultimamente sono aumentati i problemi di cash drag, la disponibilità sembra si sia ridotta. Piattaforma molto giovane con varie finanziarie piccole che listano i propri prestiti. Offre oggi i rendimenti fra i più alti del mercato, arrivando anche al 15% in paesi emergenti. La rischiosità delle finanziarie è più alta che in altre piattaforme di prestiti al consumo, quindi attenzione. Non è possibile rivendere i propri prestiti.

Recensione Income Marketplace

Maclear: E’ una piattaforma di nuova costituzione. Ricordo sempre che, nonostante gli altissimi interessi offerti, i progetti aziendali presenti li considero ad alto rischio. Quindi da mio lato ci dedico una quota molto marginale di investimento. Per il momento comunque nessun ritardo registrato, anche se nessuno ha ancora completato un ciclo intero di rimborso capitale. Sono soggetti alla regolamentazione svizzera (leggermente differente dall’europea). Non è oggi presente mercato secondario.

Recensione Maclear

PIATTAFORME MEDIOCRI

Crowdestate: Sono tornati i prestiti italiani in questa piattaforma, ma data la situazione attuale del mercato immobiliare nel nostro paese è un buon segno?. Le disponibilità di prestiti comunque sono alte e i tassi offerti arrivano anche al 15% per l’est europa. Sito web completamente rinnovato

Estateguru: Di recente hanno aumentato i tassi di interesse, ma ancora pochi risultati concreti con il “pasticcio” dei progetti tedeschi andati di blocco in default a fine 2022. Dovremo attendere la prossima estate. La riduzione di fiducia da parte degli investitori “storici” ha lasciato molti spazi di disponibilità di investimento sui progetti nuovi.

EvenFi: Il vantaggio del sostituto d’imposta in Italia (imposizione al 26% per i progetti italiani), ma lo svantaggio di molti ritardi segnalati fra i progetti messi in piattaforma che, se non selezionati con molta attenzione, rischiano di annullare il guadagno. I volumi di investito comunque sono stabili, per ora pochi cali.

Moncera: Sono due i motivi per scegliere questa piattaforma: la forte solidità di Placet Group (il suo loan originator) e la possibilità di liquidità istantanea dei prestiti. Purtroppo i rendimenti offerti (7-9%) sono veramente troppo bassi per una piattaforma p2p.

Recensione Moncera.

.

PIATTAFORME FLOP

Bondora: Il rendimento della modalità Go&Grow è del 4% lordo (senza sostituto d’imposta!). Il vantaggio di poter ricevere interessi mensili e liquidare lo strumento a piacimento può compensare questo poco rendimento? A mio avviso no. Ed l’investimento manuale, senza buyback, ci porta dei rischi molto più alti di una piattaforma comparabile.

.

Lendermarket: Ai problemi di ritardo “classico” di rimborsi di prestiti (sempre finora coperti dai buyback, ma sono in un numero veramente poco credibile, visto l’eccesso) si è aggiunto quest’estate anche un forte aumento dei pending payments di Credistar. Cioè appunto il riconoscimento del buyback, ma non il suo pagamento in piattaforma. Per attirare altri capitali dagli investitori Credistar sta offrendo interessi altissimi (oltre il 18%), ma la situazione è molto grigia e fumosa.

Quanloop: Ne ho parlato di recente nella mia recensione: Recensione Quanloop. Investire in questa piattaforma è investire in una completa black box, nonostante oggi ci siano i ritorni, non si può mai sapere per il domani perchè le informazioni agli investitori per poterne valutare la ripetitibilità, cioè sulle destinazioni degli investimenti e sugli effettivi risultati per chi gestisce la piattaforma, sono nulli.

Crowdestor: Purtroppo l’operatività in Crowdestor è ormai concentrata sui recuperi dei vecchi progetti in ritardo. Ormai da mesi non viene presentata nessuna nuova proposta. Piattaforma che sembra avvicinarsi alla chiusura da qui a breve.

Ecco qui per completezza, infine, i miei voti PERSONALI che hanno originato i grafici. In rosso e verde le variazioni negative e positive rispetto al trimestre precedente, enjoy: