Risultati Maggio – Giugno 2024

Eccoci arrivati ad un nuovo aggiornamento dei miei risultati negli investimenti in P2P lending, con quello che è accaduto negli ultimi due mesi: maggio e giugno.

In questi due mesi ho ancora portato avanti la linea che mi sono posto in questa prima parte dell’anno: diminuire l’esposizione in piattaforme magari storiche e consolidate, ma che hanno troppo ridotto i tassi di interesse (per varie ragioni), e ricalibrare il portafoglio su altre piattaforme che offrono asset backed al 12 o 13%, che oggi stanno “in cima” nella mia lista per volume di investito personale. Inoltre ho incrementato su Swaper (per gli ottimi rendimenti nominali) e su Indemo (una nuova piattaforma di NPL immobiliari di cui abbiamo da poco parlato anche nel blog).

Passiamo come al solito ai numeri, prima di iniziare con la solita carrellata…

Sono arrivato al 65^ mese di investimenti, da quando ho aperto il blog. Gli interessi complessivi questo mese sono stati di 448€ a maggio e di 480€ a giugno. Di seguito la solita tabella di dettaglio con tutte le piattaforme:

..

Qui di seguito il riassunto dei principali avvenimenti nelle singole piattaforme.

Come sempre, ricordo che se vi interessa iscrivervi in qualcuna di queste, potete approfittare dei bonus dedicati nella sezione Bonus per investitori!

.

MINTOS

Continua il momento “smorto” in Mintos, dove non vengono più listati prestiti interessanti. Nonostante un marketplace molto attivo, dove in qualsiasi momento si trovano prestiti offerti da almeno una decina di finanziarie diverse, lo standard sembra essersi fissato su rendimenti molto bassi e per me poco allettanti.

Mentre è impossibile trovare prestiti a brevissimo termine, anche per quelli a medio e lungo termine non si riescono a vedere abbastanza offerte anche solo al 10%! L’unica finanziaria un attimo solida che fa eccezione, dove si può arrivare al 12% è IDF Eurasia (Kazakistan). Ma non posso investire l’intera mia quota in Mintos lì!

Per questi motivi negli ultimi due mesi ho fortemente diminuito la mia quota, reinvestendola in altre piattaforme.

.

ROBOCASH

Purtroppo nulla è cambiato nemmeno in Robocash in termini di rendimento. I tassi di interesse continuano ad essere molto bassi rispetto alla media del mercato. Per andare sull’11% occorre investire a lunghissimo termine. Anche a maggio ho fatto un piccolo prelievo, il resto è ancora investito in vecchi prestiti al 12% a medio termine di cui attendo il rimborso.

.

SWAPER

Ho aumentato la mia quota in Swaper, che ad oggi fornisce i rendimenti fra i più alti del mercato p2p, partendo dallo standard del 14% e arrivando fino al 16 con i bonus per investitori che investono più di 25.000€ di capitale.

Unico appunto, il loan originator Wandoo, il principale della piattaforma, non ha un’offerta di prestiti molto alta. Sarà quindi molto lento investire il capitale versato in piattaforma.

.

FINTOWN

Non ho effettuato nuovi investimenti in Fintown in questi due mesi. Il piano di rimborso di tutti i prestiti, tranne uno, è di tipo bullet. Sto quindi attendendo la restituzione dei rimborsi dei prestiti dove ho investito in passato, il primo scadrà ad agosto. Quindi ancora il rendimento che vedete è molto basso, ma ho accumulato più di 150€ di interessi non ancora liquidati, che verranno appunto “caricati” nel momento del rimborso di capitale al termine del prestito.

In realtà, il termine “fine del prestito” non è corretto, in quanto in Fintown la scadenza è semplicemente un momento in cui l’investitore può cominciare a chiedere il rimborso di capitale e interessi accumulati. In alternativa, può scegliere di tenerli investiti in quel prestito. Valuterò quindi di caso in caso, in base alle condizioni di mercato p2p, se mi converrà liquidare o tenerli investiti. Per il momento devo attendere.

Vi invito, se non l’avete fatto, a leggere la recensione di P2P Italia in merito: Recensione Fintown

TWINO

Tutto tranquillo su Twino dove investo in asset backed regolarmente al 12%. Unica pecca, la poca possibilità di diversificazione: in questi tempi sono disponibili solo prestiti del loan orginiator polacco.

INDEMO

Ho iniziato ad investire in Indemo, l’ultima piattaforma recensita dal blog (ne potete leggere la review di Reinvest qui: Indemo: investire in NPL immobiliari).

Si occupa appunto di smistamento di prestiti legati al mondo delle insolvenze immobiliari. C’è un intermediario, spagnolo, che compra a forti sconti prestiti bancari insolventi e si occupa del recupero o della liquidazione degli asset ipotecati. I rendimenti presentati e storici sono molto buoni (si va ad una media attorno al 15%) e le durate dei prestiti sono tutte di due anni previsti. In realtà questi due anni sono stimati, in quanto la liquidazione del capitale avviene nel momento in cui si è riuscito a liquidare gli asset o in altri modi per arrivare alla conclusione redditizia del rapporto di mutuo in essere. Nonostante la piattaforma recente, ci sono già casi di prestiti conclusi andati a buon fine.

Il vantaggio di Indemo è che lo strumento di investimento sono le Notes (di struttura comparabile a quelle di Mintos e Twino, per intenderci). Strumenti quindi che replicano non uno, ma un paniere di 8 prestiti, per aumentare la diversificazione del rischio, e tutta la struttura è soggetta alla normativa Mifid a tutela dell’operato e dell’organizzazione nei confronti degli investitori.

Si tratta come avrete capito di un tipo di finanziamento più rischioso del classico p2p, ma che offre potenziali rendimenti molto maggiori.

Novità: Per i lettori di P2P Italia, che si volessero iscrivere alla piattaforma, per tutto il mese di luglio c’è una campagna cashback particolare. Iscrivendovi dal link qui sopra, o da quelli presenti nella recensione e nella pagina bonus, e inserendo il codice promo “P2PITALIA“, potrete ricevere un cashback di investimento del 3% per i prestiti sottoscritti in questo mese.

.

VIAINVEST

Ottima notizia per me in Viainvest: finalmente, dopo qualche anno, sono riuscito ad aver rimborsato TUTTE le credit line. Vi ricordate? Quella vecchia tipologia di prestiti presente prima del cambio di regolamentazione, dove il richiedente poteva scegliere a proprio piacimento un’estensione di durata e che da un giorno all’altro Viainvest aveva deciso di togliere la possibilità di rivendita alla piattaforma. Ebbene, finalmente ora il saldo di capitale lì investito è arrivato a 0!

Ora, tutto il mio capitale è investito nelle asset backed che, per inciso, continuano a dare un ottimo rendimento del 13%.

INCOME MARKETPLACE

Ho aumentato i miei investimenti in Income Marketplace. Il loan originator Danarupiah, indonesiano, ha cominciato a listare prestiti al 15% a brevissimo termine (30gg), e c’è molta disponibilità in offerta. In un momento storico dove i tassi si sono abbassati, ho scelto di approfittarne per tenere alto il rendimento nominale del portafoglio.

Nonostante il paese esotico, Danarupiah è uno dei loan originator storici della regione. Non che sia fra i più sicuri, soprattutto in caso di difficoltà di recupero per una piattaforma europea. Ma per cercare qualche prestito alto rischio/alto rendimento, ad oggi mi sembra una fra le scelte ottimali.

CAPITALIA

Importante novità in Capitalia, la piattaforma ha diminuito il minimo investimento da 1.000 a 250€.

Come sapete, trovo Capitalia la miglior piattaforma oggi per investire nel crowdlending aziendale (finora 0 default nei miei investimenti filtrati, dopo oltre 2 anni di investimento). Ho trovato quindi molto interessante pubblicare questa novità, dato che il minimo di investimento per progetto era una soglia ostica per molti di voi lettori. Da oggi, si potrà investire anche con una “chip” molto minore, partendo appunto da 250€.

Le offerte di prestiti interessanti in Capitalia non mancano. Personalmente investo solo in progetti con rating A e B (ma non escludo anche categorie C se i bilanci mostrati mi convincono). All’interno di questo range, trovare rendimenti da 11-12% annuo non è assolutamente raro.

.

ESKETIT

In Esketit nuovo loan originator, con sede negli Emirati Arabi, ha iniziato a listare prestiti al 12% di interesse. Si tratta di Mojocapital. La particolarità è che tali prestiti hanno una media durata (2 anni) ma con un piano di rimborso “semi-bullet”: il capitale viene restituito con ammortamento alla francese, ma solo dopo il sesto mese di prestito; prima vengono versati solo interessi. Altra cosa da considerare, Mojo capital è gestito dagli stessi founder di Esketit: Matiss Ansviesulis e Davis Barons.

Sono sincero, a me non piace avere una finanziaria con sede negli Emirati Arabi. Esketit è regolamentata europea, ma avere una “filiale finanziaria” (perchè di questo si tratta) negli Emirati non è propriamente sinonimo di possibilità di controllo esterno. Di contro, si può dire che tale finanziaria sia gestita dai due founder di Esketit, dunque persone che hanno dimostrato di conoscere molto bene, e di aver fino ad adesso successo, nel mondo del lending.

Ci ho messo una piccola quota, soprattutto per l’interesse buono offerto, ma non espanderò molto la mia esposizione in questo loan originator.

.

STIKCREDIT (ex Afranga)

Tutto procede ancora completamente regolare in Stikcredit, nonostante i tassi si siano abbassati all’inizio dell’anno arrivando al 10%. Ma qui non ci sono difficoltà alcune.

.

MACLEAR

Sono ancora in attesa in Maclear, non ho investito in nuovi progetti nonostante gli altissimi interessi proposti. L’unico motivo è che essendo una piattaforma nuova voglio aspettare un po’ di storico prima di aumentare la mia quota. Finora nessun ritardo segnalato nel versamento degli interessi. Per chi se la fosse persa, si può trovare la mia recensione di Maclear qui: Recensione Maclear.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *