Tag Archivio per: equity

Come valutare delle startup (parte 2)

Nel mio precedente articolo, ho concluso che i metodi ideati da Berkus e Payne possono costituire una guida utile per valutare le startup fornendo le domande chiave che un investitore deve porsi quando svolge la propria due diligence.

In questo secondo articolo sulla valutazione delle startup, ho deciso di scendere ancora più nel dettaglio per farvi capire come ragiona un investitore professionale con decenni di esperienza alle spalle. Per questo motivo, ho scelto di tradurre, in esclusiva per P2P Italia, il Valuation Worksheet che Bill Payne ha aggiunto in appendice all’ultima revisione del suo metodo.

Il foglio di lavoro per valutare startup

Il Valuation Worksheet non mira a fornire una valutazione precisa in termini di dollari per le startup, ma serve per capire dove si collochi la startup nel range di valori delle startup pre-money e pre-revenue di un certo settore in una determinata area geografica. Mentre il primo passo del metodo Payne era calcolare il valore mediano delle startup pre-money e pre-revenue in un settore e in una area geografica specifici, ora l’obiettivo del Valuation Worksheet è comprendere se la startup si collochi più vicina al limite superiore o a quello inferiore dell’intervallo considerato. In altre parole, il Foglio di Lavoro proposto da Payne serve a determinare quanto il valore di una startup si discosti dal valore mediano e in quale direzione avvenga tale discostamento.

L’utilità del Valuation Woksheet, nell’ambito di una raccolta fondi, risiede nella sua capacità di arricchire il processo decisionale dell’investitore attraverso la creazione di un quadro dettagliato e strutturato. Integrando le domande chiave della due diligence, questo strumento consente agli investitori di esplorare in profondità gli aspetti critici di una startup in fase di valutazione.

In continuità con quanto esposto nel precedente articolo, il Foglio di Lavoro offre un’espansione della checklist qualitativa raccomandata agli investitori durante la fase di analisi. Attraverso una serie di caratteristiche distintive, questo strumento si distingue per la sua capacità di guidare l’investitore attraverso una valutazione strutturata e completa.

Come funziona il foglio di lavoro

Il Foglio di Lavoro proposto da Payne ha delle caratteristiche salienti:

1) I fattori sono presentati in ordine di importanza.

2) A ogni fattore è associata un peso percentuale che ne misura l’importanza per arrivare alla valutazione monetaria. Come spiegato nel precedente articolo (Come valutare startup, prima parte), questo valore perde di importanza perché le società che vanno in raccolta fondi sono già in una fase di vita successiva a quella per cui Payne ha pensato il Worksheet.

3) Ogni fattore è suddiviso in caratteristiche (o problemi) a cui Payne ha assegnato una valutazione, o impatto, che varia da +++ (molto positivo) a — (molto negativo) che, nell’intenzione dell’autore, dovrebbe aiutare l’investitore ad arrivare ad una corretta valutazione della percentuale assegnata ad ogni fattore. Nel caso delle startup in raccolta fondi, invece l’impatto di queste caratteristiche, o problemi se negative, fornisce un aiuto per decidere se la startup analizzata rientri nel proprio profilo di rischio o meno.

4) Alcuni fattori, come la mancanza di coachability del gruppo dirigenziale, possono essere molto deleteri per le startup.

VALUATION WORKSHEET (Foglio di lavoro per la valutazione)

                                    Fattori e Caratteristiche

Pesi percentuali         IMPATTO SULLA VALUTAZIONE DELLE STARTUP PRE-                                               REVENUE

  • 0-30%                        Forza dell’imprenditore e della squadra dirigenziale

                                    Impatto          Esperienza

                                    +                     Molti anni di esperienza negli affari

                                    ++                   Esperienza in questo settore

                                    +++                 Esperienza come CEO

                                    ++                   Esperienza come COO, CFO, CTO,

                                    +                     Esperienza come product manager

                                    –                      Esperienza nelle vendite e nella tecnologia

                                    —                    Nessuna esperienza negli affari

                                    Impatto          L’imprenditore è disponibile a farsi da parte, se necessario,                                                      per un CEO esperto?

                                    —                    Non disponibile

                                    0                      Neutrale

                                    +++                 Disponibile

                                    Impatto          Il fondatore è coachable?

                                    +++                 Sì

                                    —                    No

                                    Impatto          Quanto è completa la squadra gestionale?

                                    –                      Solo l’imprenditore

                                    0                      Un solo membro competente

                                    +                     Squadra identificata e pronta a scendere in campo

                                    +++                 Squadra competente già in campo

  • 0-25%                         Grandezza dell’opportunità

                                    Impatto          Dimensione del mercato di riferimento (vendite totali)

                                    —                     < 50 milioni di dollari

                                    +                     100 milioni di dollari

                                    ++                   > 100 milioni di dollari

                                    Impatto          Ricavi potenziali in cinque anni

                                    —                     < 20 milioni di dollari           

                                    ++                   tra 20 e 50 milioni di dollari

                                    –                      > 100 milioni di dollari (e richiederà significativi fondi                                                                  aggiuntivi)

  • 0-15%                        Forza del prodotto e della proprietà intellettuale

                                    Impatto          Quanto è ben definito e sviluppato il prodotto?

                                    —                    Non ben definito, sembra ancora un prototipo

                                    0                      Ben definito, il prototipo sembra interessante

                                    ++                   Valutazioni positive da potenziali acquirenti

                                    +++                 Ordini di acquisto e prime vendite ai clienti

                                    Impatto          Il prodotto è convincente per i clienti?

                                    —                    Il prodotto è una “vitamina”

                                    ++                   Il prodotto è un “antidolorifico”

                                    +++                 Il prodotto è un “antidolorifico” senza effetti collaterali

                                    Impatto          Questo prodotto può essere duplicato facilmente dalla                                                              concorrenza?

                                    —                    Facilmente copiato, nessuna proprietà intellettuale

                                    0                      Difficile da duplicare

                                    ++                   Prodotto unico e protetto da segreto commerciale

                                    +++                 Solida tutela brevettuale

  • 0-10%                        Mercato di riferimento

                                    Impatto          Forza della concorrenza in questo mercato

                                    —                     Dominato da una singola azienda

                                    –                      Dominato da diverse aziende

                                    ++                   Frammentato, tante piccole aziende

                                    Impatto          Forza dei prodotti concorrenti

                                    —                     I prodotti concorrenti sono eccellenti

                                    +++                 I prodotti concorrenti sono deboli

  • 0-10%                        Marketing/Canali di vendita/Partner

                                    Impatto          Canali di vendita, vendite e alleati di mercato

                                    —                    I canali di vendita non sono ancora stati discussi

                                    ++                   Beta tester principali identificati e contattati

                                    +++                 Canali di vendita sicuri, i clienti hanno effettuato ordini di                                                             prova

                                    —                     Nessun partner identificato

                                    ++                   Partner principali pronti

  • 0-5%                          Necessità di ulteriori investimenti

                                    +++                 Nessuna necessità

                                    0                      Un altro round di angeli

                                    —                     Necessità di capital venture

  • 0-5%                          Altro

                                    ++                   Altri fattori positivi

                                    —                     Altri fattori negativi

Note conclusive

1) La coachability è la combinazione di mentalità e comportamenti che consentono ad una persona di apprendere e migliorare sia attraverso l’analisi delle proprie esperienze, sia tramite i feedback ricevuti da colleghi, superiori e mentori. E’ l’abilità di utilizzare i feedback ricevuti per superare le convinzioni personali, affrontare i cambiamenti con coraggio, applicare i consigli ricevuti pur mantenendo la giusta apertura mentale che spinge a superare le difficoltà che si presentano di volta in volta.

2) La dimensione del mercato di riferimento e i ricavi potenziali in cinque anni sono spesso indicati nel pitch e nel business plan. I numeri di Payne sono riferiti al mercato americano e non sono applicabili tout court al mercato italiano. Inoltre, applicando il concetto di coachability per superare le convinzioni di un angelo pur esperto come Bill Payne, ormai si compete in mercati più ampi rispetto a quello locale o nazionale grazie all’ecommerce e servizi dematerializzati potrebbero avere come mercato di riferimento addirittura il mercato mondiale.

3) Un prodotto o un’impresa “antidolorifico” (painkiller in inglese) fornisce la soluzione per un problema, rivoluziona un settore o innova in maniera dirompente. Un prodotto o un’impresa “vitamina” (vitamin in inglese) migliora qualcosa che già esiste. Infine, c’è un terzo tipo di impresa che Payne non ha neanche menzionato, le “caramelle” (candy in inglese) che hanno come unico scopo quello di fornire intrattenimento o divertimento ai consumatori.

Come valutare delle startup (parte 1)

Quando ci troviamo ad affrontare la valutazione delle startup, entriamo in un territorio di imprese che sono agli albori della loro esistenza. Queste aziende, spesso caratterizzate da innovazioni di prodotto, mercato, o di processi produttivi, si distinguono per non avere una storia consolidata su cui basare una valutazione tradizionale. Di conseguenza, i metodi utilizzati per valutare le startup differiscono notevolmente da quelli impiegati per le imprese consolidate o quotate sui mercati regolamentati. In questo contesto, diventa cruciale adottare metodologie di valutazione appositamente progettate e adattate allo stadio di vita delle giovani aziende.

Nelle prime fasi di sviluppo di una startup, durante la fase di formazione, entrano in gioco i business angel o angel investor, noti anche come investitori informali in Italia. Questi individui, spesso imprenditori, liberi professionisti, dirigenti o anche imprenditori in pensione, portano non solo capitale, ma soprattutto esperienza e competenze gestionali. Il rapporto che si instaura tra questi angeli e gli imprenditori è caratterizzato da un approccio informale. Molto diverso da quello che si sviluppa con i fondi di venture capital o private equity, i quali adottano un approccio più formale e strutturato.

Metodo Berkus

Il Metodo Berkus, risalente agli anni ’90, rappresenta uno dei metodi più antichi utilizzati dagli investitori informali per valutare le startup. Il nome deriva da Dave Berkus, un noto investitore americano che lo ideò per superare le sfide legate all’applicazione dei tradizionali metodi di valutazione alle imprese emergenti. La sua soluzione è sorprendentemente semplice: attribuire un valore fino a mezzo milione di dollari a cinque elementi chiave che contribuiscono a mitigare altrettanti fattori di rischio per la startup.

Ecco quali sono questi fattori e i rischi associati che riducono:

1) Solidità dell’idea o valore base, che riduce il rischio di prodotto

2) Prototipo del prodotto o servizio, che riduce il rischio tecnologico

3) Qualità del gruppo dirigenziale, che riduce il rischio di esecuzione

4) Relazioni strategiche, che riducono il rischio competitivo e di mercato

5) Produzione o Vendite, che riducono il rischio di produzione o finanziario

In base a questa metodologia, il valore della startup può raggiungere fino a 2 milioni di dollari (ma potremmo tranquillamente usare come valuta gli euro) prima di realizzare ricavi. Oppure fino a 2,5 milioni in caso di ricavi realizzati.

Nella più recente revisione del suo Metodo, Dave Berkus, ha allentato i requisiti dello schema originale trasformando i suoi elementi da vincoli rigidi a suggerimenti. Inoltre, ha suggerito che il valore di 500.000 dollari dovrebbe essere adattato in base al contesto geografico in cui opera l’azienda. Per fare un esempio, una società tecnologica nella Silicon Valley potrebbe chiedere realisticamente 1,5 milioni di dollari per ciascun elemento, mentre la stessa società in Nebraska dovrebbe accontentarsi dei canonici 500.000 dollari.

Metodo Payne

Il secondo Metodo risale ai primissimi anni 2000 e prende il nome dal suo ideatore, Bill Payne, ma è conosciuto anche come Scorecard Valuation Methodology o, in italiano, Metodo della scheda di valutazione. Bill Payne, figura di spicco nel mondo degli investimenti informali, ha ideato questo metodo per offrire un approccio strutturato alla valutazione delle startup.

1) Il procedimento è più lungo e complesso rispetto al Metodo Berkus visto nel precedente paragrafo. Esso comincia con la determinazione del valore mediano, (non quello medio!), delle startup pre-money e pre-revenue, operanti nello stesso settore e nella stessa area geografica. Tuttavia, trovare questa informazione può essere una sfida per il comune investitore, a meno che non sia anche un business angel o faccia parte di un’associazione di settore.

2) Il secondo passo consiste nel confrontare una serie di fattori della società in cui si vuole investire con aziende simili per settore e area geografica. A ciascun fattore viene assegnata una valutazione percentuale secondo uno schema preciso e in un intervallo di valori predeterminato. Nel dettaglio la scheda di valutazione comprende:

3) Dopo aver calcolato la somma dei valori percentuali dei fattori al punto 2), questo totale viene moltiplicato per il valore mediano trovato al punto 1). In questo modo si ottiene il valore pre-money della startup in esame.

Considerazioni sul valore delle startup

Il primo impatto che arriva ad un investitore interessato all’equity crowdfunding, quando analizza una società protagonista di una raccolta fondi, è che il valore pre-money sia troppo alto rispetto al valore reale della società. Se i due metodi analizzati in questo articolo possono insegnarci qualcosa, è proprio che il valore pre-money non è sopravvalutato. Perché incorpora sia i potenziali profitti futuri, sia il rischio di fallimento. Rischio molto più elevato in una società appena nata rispetto ad una società in attività e in attivo da anni.

Inoltre, una valutazione apparentemente elevata serve a motivare i fondatori e a spingerli a lavorare per il successo della società. Fondatori insoddisfatti potrebbero essere demoralizzati e non impegnarsi a fondo per il successo della stessa. Una valutazione più alta può anche aumentare la fiducia degli investitori e dei potenziali partner nella solidità e nel potenziale della startup. In questo modo, si contribuisce ad attrarre risorse aggiuntive e opportunità di collaborazione.

Una valutazione apparentemente elevata serve a fornire alla start-up tutte le risorse necessarie per crescere in maniera costante. Senza questa garanzia finanziaria, i fondatori rischiano di dover prendere scelte non ottimali e di dover perdere molto tempo a cercare altre fonti di finanziamento, invece che concentrarsi sulla crescita. Inoltre, avere risorse finanziarie adeguate consente alla startup di investire in ricerca e sviluppo, marketing e acquisizione di talenti. Tutti fattori cruciali per il successo nel lungo termine.

Assicurare risorse finanziarie adeguate alle imprese non solo garantisce un vantaggio competitivo sulle rivali esistenti, ma agisce anche da deterrente all’ingresso di nuovi concorrenti sul mercato che sarebbe scoraggiato dai mezzi di inferiore entità a propria disposizione. Una start-up con una solida base finanziaria è meglio posizionata per affrontare le sfide del mercato e per sfruttare le opportunità emergenti. Riducendo, così, il rischio di essere sopraffatta dalla concorrenza.

Considerazioni finali

Il grado di utilità dei due metodi per un investitore di equity crowdfunding è soggetto a diverse considerazioni.

1) Un limite significativo dei due metodi è la loro intrinseca soggettività nella valutazione dei fattori coinvolti. Ad esempio, sebbene il Metodo Berkus sia più semplice da applicare, diversi investitori potrebbero valutare in modo diverso gli stessi fattori, portando a stime divergenti del valore di una stessa startup.

D’altra parte, il Metodo Payne è più articolato, ma richiede competenze specifiche e l’accesso a dati difficili da ottenere per un investitore non professionale. Tanto che persino i business angel creano delle associazioni di categoria, tra le altre cose, per poter raccogliere dati.

Ad esempio, determinare il valore mediano delle startup in una data area geografica e settore industriale può risultare complesso per chi non dispone delle risorse e delle conoscenze necessarie.

Senza queste informazioni, l’investitore potrebbe incontrare difficoltà nel calcolare accuratamente il valore pre-money di una startup in fase di sviluppo.

2) Il secondo difetto evidente è che sono due metodi pensati per valutare società emergenti in una fase che precede normalmente quella della raccolta fondi. Quindi un investitore di equity crowdfunding arriva in una fase di vita della startup successiva a quella per cui i due metodi sono stati ideati dai due angeli americani.

In effetti, lo stesso Berkus ha riconosciuto questo limite del suo metodo, che perde di efficacia una volta che la startup inizia a generare ricavi. A quel punto, gli investitori tendono a considerare i dati finanziari reali per stimare la crescita futura.

Quindi, i due metodi sono utili solo per capire come si è arrivati alla valutazione pre-money di una startup in raccolta fondi?

3) La risposta appare chiaramente negativa. Considerati i difetti, la soggettività e l’impossibilità di conoscere valori di raffronto affidabili, ciò che rimane dei due metodi è uno schema. Una linea guida, a punti, che gli investitori possono utilizzare per valutare le startup coinvolte in una raccolta fondi.

Sia Berkus che Payne hanno individuato dei fattori cruciali di valutazione, che coincidono in gran parte, offrendo una sorta di checklist qualitativa per gli investitori durante il processo decisionale, senza perdersi in quantificazioni complicate.

Due diligence

Gli investitori che partecipano ad una raccolta fondi possono quindi svolgere la propria due diligence ogni volta, valutando secondo il proprio metro di giudizio ogni singola azienda prima di investire, ponendosi le seguenti domande:

1) se il gruppo dirigenziale abbia le qualità per riuscire, magari verificando su Linkedin (https://it.linkedin.com/) i curriculum vitae delle persone coinvolte. Metto questo fattore al primo posto seguendo Payne, perché un gruppo dirigenziale di qualità può correggere un prodotto difettoso, mentre non è possibile il contrario;

2) se l’idea sia solida oppure no e se questa costituisca un’opportunità più o meno grande,

3) se un prototipo sia già stato realizzato oppure si vada a finanziare un prodotto o un servizio che è ancora solo sulla carta,

4) se la strategia di marketing sia convincente oppure no, includendo un’analisi del mercato di riferimento e della concorrenza.

5) se la produzione sia realisticamente realizzabile oppure già iniziata, o se richieda ulteriori investimenti.

Rispondendo a queste domande, gli investitori possono valutare se una startup in fase di raccolta fondi sia in linea con il proprio profilo di rischio e se sia un’opportunità di investimento appropriata.

Equity Crowdfunding: Strumenti Essenziali

Nel nostro viaggio attraverso l’equity crowdfunding, abbiamo esplorato la sua definizione e il suo funzionamento nel nostro primo articolo (disponibile qui). Abbiamo analizzato attentamente i suoi vantaggi e svantaggi. Ora, immergiamoci ulteriormente nel mondo dell’equity crowdfunding, concentrandoci sui fondamentali: gli strumenti essenziali che ogni investitore dovrebbe conoscere prima di intraprendere questa affascinante forma di investimento. Scopriremo risorse e tecniche cruciali che vi guideranno nel vostro percorso verso investimenti informati e consapevoli.

Due siti da salvare nei preferiti

Consob

Per evitare potenziali truffe da parte di piattaforme fittizie o gestite da gruppi criminali, in passato avremmo consigliato di consultare l’elenco dei gestori autorizzati di piattaforme di crowdfunding nel sito della Consob, l’autorità italiana per la vigilanza dei mercati finanziari: link al sito Consob.

Consob registro equity crowdfunding

Tuttavia, dal 11 novembre scorso, le imprese possono offrire servizi di crowdfunding in Italia e in Europa solo se hanno ottenuto l’autorizzazione ai sensi del Regolamento (UE) 2020/1503. Attualmente, il registro dei fornitori di servizi di crowdfunding è gestito dall’ESMA, l’Autorità Europea degli strumenti finanziari e dei mercati. Puoi consultare o scaricare il registro al seguente indirizzo: link al registro ESMA.

All’interno di questo file, troverai anche alcune piattaforme familiari al nostro blog, come Estateguru, Afranga, o Crowdpear, la piattaforma di crowdfunding autorizzata derivata da Peerberry. Pertanto, se una nuova piattaforma di crowdfunding promette rendimenti eccezionali, verificate sempre la sua presenza e autorizzazione nel registro europeo gestito dall’ESMA. L’assenza in questo registro potrebbe indicare una possibile truffa. Comunque, anche la presenza richiede un’attenta valutazione dell’offerta, usando gli strumenti di analisi che saranno discussi nei prossimi articoli.

Esma registro equity crowdfunding

Crowd Monitor

Se vi state chiedendo come trovare le campagne attive, sappiate che un approccio comune sarebbe consultare il registro europeo per individuare le piattaforme italiane autorizzate. Da qui, navigare sui siti web di queste piattaforme per scoprire le campagne in corso. Tuttavia, per semplificare questa ricerca, vi consigliamo di utilizzare Crowd Monitor. Si tratta di un servizio che aggrega tutte le campagne di crowdfunding in lingua italiana e che potete consultare comodamente a questo indirizzo: link a Crowd Monitor.

Al momento, potreste notare un numero limitato di campagne attive. Questo è dovuto al fatto che molte piattaforme italiane stanno ancora aspettando l’ottenimento della licenza e, di conseguenza, hanno temporaneamente sospeso le loro attività fino al raggiungimento di tale obiettivo. Al 20 dicembre, sono visibili solo 23 campagne, in contrasto con le decine presenti prima dell’11 novembre. Tuttavia, non disperatevi! Nei prossimi mesi, ci aspettiamo un miglioramento significativo della situazione, con un aumento del numero di campagne attive, proprio come si verificava in passato.

Un po’ di terminologia utile

Ora vediamo un po’ di termini tecnici che potreste incontrare quando vi accingerete ad esaminare una campagna di raccolta fondi.

Per prima cosa potreste vedere una valutazione o un valore pre-money e post-money: intuitivamente il primo è il valore attribuito alla società che chiede i fondi ai potenziali investitori, il secondo si ricava dal primo sommando il valore del capitale raccolto. Di fatto, la società che richiede i fondi ambisce ad attuare un aumento di capitale, abbreviato a volte in aucap. La campagna ha successo solo se viene raggiunto l’obiettivo minimo. Superato l’obiettivo si parla di overfunding, che non è un fatto negativo, anzi di solito è considerato un successo anche se non viene raggiunto l’obiettivo massimo oltre il quale si ferma la raccolta fondi.

Ogni campagna prevede la pubblicazione di un pitch, un video o una presentazione in Power Point in cui l’azienda spiega il suo modello di business, gli obiettivi che vuole raggiungere con la raccolta fondi, il prodotto o il servizio che offrono e le persone che formano l’impresa. Altro documento fondamentale è il business plan, dove è descritto in maniera particolareggiata come verrà speso il denaro raccolto e quali flussi di ricavi e costi sono attesi dagli investimenti che verranno sostenuti.

Riferita ad ogni forma di investimento, quindi non solo all’equity crowdfunding, è la due diligence, la valutazione autonoma che ogni investitore è tenuto a fare sull’azienda che si propone in offerta, attraverso il controllo dei documenti e, meglio, attraverso riscontri reali sulla loro attività e la verifica su eventuali pregiudizi o problemi passati avuti da soci o amministratori. La due diligence dovrebbe precedere ogni raccolta fondi e non seguirla! La exit strategy, invece, indica le previsioni di disinvestimento o tramite cessione ad un fondo d’investimento piuttosto che ad un gruppo industriale, o tramite quotazione in borsa. Spesso il valore della exit strategy è basato su cessioni di aziende paragonabili per mercato e dimensione.

Altro campo che richiede chiarezza è quello dei diritti, a partire dai diritti patrimoniali. Essi consistono nel diritto di ogni investitore, a prescindere dall’ammontare investito, di partecipare alla distribuzione degli utili, qualora ne venga deliberata la distribuzione. Oppure stabilire quale parte ricevere del patrimonio societario residuale in caso di liquidazione dopo il pagamento di tutti i debiti.

I diritti amministrativi invece sono prerogativa dei soli soci che hanno investito oltre certe soglie stabilite nella campagna, ottenendo delle categorie particolari di quote, e consistono nel diritto di partecipare alle assemblee societarie, di votare e di impugnare le delibere dell’assemblea.

Quando una società passa attraverso diversi round di raccolta fondi, può capitare che alcuni soci posseggano il diritto di opzione, cioè la possibilità di esercitare un diritto di prelazione sulle nuove azioni emesse.

Infine, è importantissimo accertarsi che con la raccolta fondi si acquisisca il diritto di co-vendita. Cioè, il diritto di vendere la propria quota di partecipazione a chiunque acquisisca il pacchetto di controllo della società, alle stesse condizioni applicate ai soci fondatori o detentori del pacchetto di controllo. Senza di esso si rischia di perdere la possibilità di exit e si rischia che il proprio denaro rimanga intrappolato.

A volte ci si riferisce al diritto di co-vendita come clausola tag along o, più raramente, come “piggy back”.

Equity Crowdfunding: La Rivoluzione del Finanziamento delle Startup

Benvenuti lettori nell’area appena inaugurata relativa all’Equity Crowdfunding. Io sono Furio e, come anticipatovi nell’articolo introduttivo della sezione, scriverò per tenervi aggiornati anche su questo asset di investimenti.

Mi sono già presentato in quell’articolo, quindi direi qui possiamo passare direttamente a introdurre in prima battuta di cosa vi andrò a parlare da qui in futuro nel blog di P2P Italia!

Introduzione

L’equity crowdfunding è emerso come una soluzione innovativa per le imprese alla ricerca di finanziamenti. Questa forma di crowdfunding ha rivoluzionato il modo in cui le startup e le piccole imprese raccolgono capitale. Essa offre agli investitori la possibilità di acquisire quote di proprietà in queste imprese in cambio del loro sostegno finanziario. In questo articolo, esploreremo in dettaglio cos’è l’equity crowdfunding, come funziona e quali sono i suoi vantaggi e i suoi rischi.

Cos’è l’Equity Crowdfunding?

Chi non ha mai sentito parlare di crowdfunding? La parola Kickstarter vi è subito venuta in mente? Avete indovinato, Kickstarter è la piattaforma di finanziamento per progetti creativi che ha reso popolare il termine crowdfunding in tutto il mondo dal 2009.

Ma cosa c’entra con l’argomento di questo articolo?

Il crowdfunding letteralmente è una raccolta di fondi provenienti da una folla, un finanziamento collettivo (o dal basso, come viene a volte definito), destinato a finanziare un determinato progetto. Ne esistono varie forme:

  • L’equity (based) crowdfunding, dove i sottoscrittori della raccolta fondi, gli investitori, acquistano parte delle azioni o delle quote di una società. Ma cosa significa esattamente “equity”? L’Equity rappresenta il capitale proprio dell’azienda, ed è costituito da risorse conferite dall’imprenditore o dai soci. È spesso denominato “capitale di rischio” poiché non prevede una remunerazione minima garantita ed è soggetto a rischio. Ciò significa che gli investitori potrebbero perdere l’intero importo investito se l’azienda non avesse successo.
  • Piattaforme come Kickstarter offrono raccolte fondi collettive destinate alla produzione di un bene o un servizio e sono classificate, invece, come reward (based) crowdfunding. In questo caso, il sottoscrittore non entra in società con il produttore del bene o del servizio in oggetto, ma ottiene una ricompensa o un premio non monetario commisurato al contributo dato. Attualmente, il reward crowdfunding è la forma  più diffusa di finanziamento collettivo.

Oltre all’equity crowdfunding e al reward crowdfunding, ci sono altre forme di finanziamento collettivo che possono variare in base all’oggetto che viene finanziato.

Ad esempio:

  • Il peer to peer lending, che già dovreste conoscere se frequentate questo blog, è spesso classificato come lending (based) crowdfunding (o social lending, a seconda delle fonti). In esso si prevede il prestito di denaro per la realizzazione di un progetto.
  • Il crowdfunding immobiliare o real estate crowdfunding, che consente di finanziare progetti del settore immobiliare. Questo può includere il prestito di denaro ad un’impresa del settore immobiliare per ristrutturare un immobile e rimetterlo poi sul mercato. Oppure, l’investimento nel capitale di rischio di una società vettore creata appositamente per acquisire, ristrutturare, vendere o affittare un immobile. Consentendo in questo modo di differenziare l’investimento in base al rischio e all’orizzonte temporale desiderato.
  • Esistono infine altre forme di finanziamento collettivo non direttamente correlati agli investimenti, come il donation crowdfunding, dove il sottoscrittore dona un importo senza ottenere nulla in cambio, e il civic crowdfunding, dove la realizzazione di progetti o opere pubbliche avviene tramite un finanziamento diretto da parte dei cittadini.

Come Funziona l’Equity Crowdfunding?

Il processo di finanziamento collettivo per le imprese è notevolmente più complesso rispetto al crowdfunding a ricompensa. Inizia con una fase preliminare in cui la piattaforma esamina attentamente i bilanci, il business plan e il mercato in cui opererà l’impresa che cerca finanziamenti. Durante questa fase, la piattaforma ha l’opportunità di incontrare e conoscere i fondatori dell’impresa, eseguendo una prima selezione che esclude le aziende che presentano criticità di vario tipo.

Dopo aver superato questa fase iniziale, l’impresa deve concludere una serie di procedure tecniche per garantire la conformità alle leggi e alle richieste dei regolatori, come la Consob. Una volta superate queste fasi preliminari, l’impresa può presentarsi sulla piattaforma selezionata con una serie di documenti che delineano il progetto per cui sta cercando finanziamenti. Questa documentazione deve includere una dettagliata pianificazione sull’uso dei fondi raccolti, articoli informativi sul progetto e documenti legali e contabili che dimostrino la sua esistenza legale.

Durante la campagna di equity crowdfunding, l’impresa deve stabilire un obiettivo minimo e un traguardo massimo. L’obiettivo minimo rappresenta la soglia sotto la quale il progetto non verrà realizzato e i fondi raccolti saranno restituiti agli investitori senza alcun rischio. Gli investitori, dal canto loro, analizzano attentamente tutti i documenti presentati dall’azienda, valutano il progetto e decidono se corrisponde al loro profilo di rischio. Ad esempio, prendono in considerazione se la quota minima di partecipazione è troppo alta oppure se le aspettative del business plan sono troppo ottimistiche.

Alla fine della campagna di finanziamento collettivo, se la raccolta fondi raggiunge l’obiettivo minimo, gli investitori ricevono una partecipazione nel capitale sociale dell’impresa. Conseguentemente a questo, essi vengono registrati nella nuova visura camerale della società.

Vantaggi dell’Equity Crowdfunding

Per le Startup

Perché le startup e le piccole e medie imprese dovrebbero impegnarsi in un processo complesso come l’equity crowdfunding?

  • Il primo e più evidente vantaggio è di natura economica. Le startup e le PMI spesso affrontano difficoltà nel reperire finanziamenti e capitali tramite istituti finanziari tradizionali, in quanto spesso non possono offrire le stesse garanzie di aziende di dimensioni maggiori. Inoltre, il denaro che start up e PMI ricevono dal finanziamento collettivo entra nel capitale di rischio dell’impresa. Non deve quindi essere restituito entro un determinato periodo come il capitale di debito, e su di esso non si pagano interessi. Da questo ne consegue che l’impresa migliora la capacità di indebitarsi, potendo vantare un capitale proprio maggiore. Riduce di conseguenza il rapporto contabile tra capitale netto e capitale di debito. Infine, l’equity crowdfunding consente di abbattere le barriere geografiche. Un’impresa nata in una zona economicamente depressa può raccogliere fondi da tutto il resto d’Italia consentendole di superare le barriere locali di accesso alle fonti di finanziamento.

  • Un secondo ordine di vantaggi è costituito dal processo di selezione che i portali operano sulle singole imprese. Questo costituisce un primo banco di prova per il progetto che si vuole sviluppare e, se superato, costituisce un primo indicatore della probabilità di successo finale. Durante il processo, le piattaforme non valutano solo la credibilità di un progetto, ma completano una revisione legale e contabile dell’azienda. Si suggeriscono qui modifiche allo statuto e al modello di business per evitare l’insorgere di problemi in un secondo momento. Infine, l’esito della campagna, indipendentemente dall’esito finale, è un indicatore della qualità del progetto e dell’interesse che esso suscita in un pubblico più ampio ed estraneo alla cerchia dei soli fondatori. In caso di successo, funge da test di mercato, aumentando la capacità di attrarre finanziamenti da istituti bancari e investitori.
  • Un terzo importante aspetto è legato alla campagna stessa. Il processo che conduce alla raccolta di fondi porta enorme visibilità al progetto e consente all’impresa di sviluppare una strategia di comunicazione che sarà cruciale per il suo futuro. Questa visibilità consente all’impresa di venire in contatto con una vasta rete di persone. Inoltre, contribuisce a creare una rete di relazioni che si rivelerà preziosa nello sviluppo futuro dell’impresa. Tale rete di relazioni comprende gli stakeholder, tra cui giornalisti, business angel, finanzieri e imprenditori, ma soprattutto gli investitori. Questi ultimi condividono con i fondatori il desiderio che l’azienda prosperi e il proprio investimento aumenti di valore, per cui si trasformano in veri e propri ambasciatori del marchio, promuovendolo sui social network e diffondendone i valori aziendali con il passaparola.

Per gli Investitori

Se per le aziende l’equity crowdfunding è così vantaggioso, quali sono invece i motivi per cui un potenziale investitore dovrebbe partecipare ad un finanziamento collettivo?

  • La semplicità è un fattore chiave. Basta registrarsi su una piattaforma e con pochi clic del mouse è possibile completare l’investimento. La semplicità è anche nella valutazione. Se l’esito dell’investimento è l’acquisizione di una partecipazione nel capitale sociale di un’impresa, come avviene in un investimento in borsa, la valutazione della società è molto più semplice perché il suo valore è determinato principalmente da fattori interni, a differenza del valore di un titolo quotato, il cui valore dipende da fattori esterni non sempre comprensibili per l’investitore medio. Nonostante l’illiquidità dell’investimento, la volatilità è completamente azzerata.
  • Anche un investitore poco esperto che ha fatto solo una ricerca con un motore di ricerca sa che deve differenziare i propri investimenti per ridurre la probabilità di perdita e l’Equity crowdfunding facilita questa pratica. Infatti la quota minima di partecipazione di solito varia tra i 250 e i 500 euro, mentre l’offerta di startup e piccole e medie imprese copre una vasta gamma di settori. Ciò consente agli investitori di creare portafogli altamente diversificati con poche migliaia di euro, riducendo il rischio di perdite dovute al fallimento. Inoltre, la piattaforma più grande in Italia offre la possibilità di investire anche in progetti immobiliari a breve termine, aggiungendo ulteriori opportunità di diversificazione.
  • Infine, ma non per importanza, l’equity crowdfunding offre vantaggi fiscali significativi. Gli investitori possono beneficiare di detrazioni fiscali del 30% o, in casi più rari, del 50%. Riducono così la quantità di capitale che potrebbe essere persa nella peggiore delle ipotesi. Inoltre, i rendimenti a cinque anni sono solitamente espressi in moltiplicatori, offrendo la prospettiva di rendimenti potenzialmente elevati. Da non trascurare la totale assenza di commissioni durante il processo di sottoscrizione, il che rende l’equity crowdfunding un’opzione ancora più attraente per gli investitori.

Rischi dell’Equity Crowdfunding

Finora abbiamo esplorato i vantaggi dell’equity crowdfunding, ma è altrettanto importante comprendere i rischi associati a questo tipo di finanziamento per le imprese e per gli investitori:

  • E’ essenziale sottolineare che l’investimento in start-up e PMI innovative è intrinsecamente rischioso. Nella peggiore delle ipotesi, gli investitori potrebbero perdere l’intero capitale investito. Tuttavia, come accennato nella sezione precedente, grazie alle detrazioni fiscali, si può perdere solo (si fa per dire!) dal 70 al 50% del capitale versato. Il resto viene recuperato sotto forma di credito fiscale detraibile, se viene detenuto per una durata minima stabilita. È importante notare che le start-up innovative non possono distribuire utili per un periodo di quattro anni, sebbene ciò sia consentito alle PMI innovative.
  • Un altro rischio significativo è l’illiquidità. Le partecipazioni in società innovative acquisite tramite finanziamento collettivo non possono essere negoziate in mercati regolamentati per legge. In più, la maggior parte delle piattaforme non offre un mercato secondario come avviene nel P2P lending. Tuttavia, è possibile negoziare tali partecipazioni tra privati, anche se ciò comporta costi notarili aggiuntivi. Questa transazione può essere agevolata tramite la rubricazione, o regime alternativo di intestazione delle quote. In essa l’investitore incarica un intermediario autorizzato ad intestarsi le quote comparendo nella visura camerale al posto dell’investitore che comunque rimane titolare ultimo delle quote. Gli investitori possono quindi vendere le proprie quote tramite una transazione telematica tra intestatari di conti presso lo stesso intermediario, riducendo così i costi e i tempi del trasferimento.
  • Un altro aspetto da considerare è la possibilità di vedere diluita la propria partecipazione in caso di futuri round di raccolta fondi. Questo rischio è particolarmente rilevante per coloro che hanno investito somme significative per ottenere una partecipazione qualificata con diritto di voto in assemblea dei soci. Mentre la diluizione è una possibilità, è importante sottolineare che essa può variare notevolmente a seconda delle circostanze e delle condizioni di ciascun round di finanziamento.

Conclusioni e Prospettive Future

Abbiamo esaminato attentamente le dinamiche del finanziamento collettivo in capitale di rischio di start-up e piccole e medie imprese innovative. Abbiamo evidenziato sia i suoi vantaggi che i rischi, specialmente quelli legati a un orizzonte temporale di investimento che potrebbe estendersi fino a cinque anni o più. Questo aspetto rende l’equity crowdfunding particolarmente adatto a un certo tipo di investitore, simile al cassettista di altri tempi. Questi investitori acquistavano titoli azionari per riporli nel cassetto, quando erano ancora cartacei, spesso dimenticandosene per cinque o anche dieci anni prima di decidere di venderli e realizzare un guadagno. Ecco, considerando l’illiquidità dell’investimento e il coinvolgimento quasi nullo nel processo decisionale se non si possiede una partecipazione che dia diritto di voto in assemblea, l’investitore può solo aspettare le rare comunicazioni societarie in attesa del momento della exit.

Un importante sviluppo futuro da tenere in considerazione è l’entrata in vigore del nuovo Regolamento Consob, che recepisce il regolamento europeo in materia di crowdfunding. Questa iniziativa mira a creare un mercato unico europeo per il finanziamento di start-up e piccole e medie imprese. Inoltre, il regolamento apre le porte a una gamma più ampia di strumenti finanziari offerti alle imprese. Questi includono servizi di raccolta di capitali sotto forma di debito (lending), capitale di rischio (equity) e altri strumenti come le obbligazioni societarie. Questo allargamento delle opzioni di finanziamento aumenterà la flessibilità e la diversificazione nell’offerta agli investitori, Consentendo quindi una personalizzazione più precisa in base al rischio e al potenziale di guadagno di ciascun progetto.

Apre la sezione Equity Crowdfunding

Con questo articolo annuncio a tutti i lettori che il blog di P2P-Italia si espande! Come da titolo, amplierà da oggi i suoi argomenti trattati, iniziando a parlare di un asset di investimento che molti di voi già conoscono o quanto meno hanno già sentito: l’equity crowdfunding aziendale!

Ho avuto l’occasione di conoscere tramite i vari canali del blog un investitore esperto del settore, Furio, che ha accettato di pubblicare articoli regolari su P2P Italia. In questo articolo vi presenterò quindi Furio e l’idea che abbiamo costruito assieme.

L’equity crowdfunding, è un asset di investimento molto diverso dal p2p lending. L’investitore qui non “presta” soldi ai richiedenti… ma ne diventa direttamente socio!

Per questi motivi, era opportuno dedicare una sezione specifica del blog, che presto troverete in home parallela alle altre due di cui siete già abituati. Inoltre, era molto importante che fosse qualcuno di diverso da noi due (io e Reinvest) a trattare l’argomento.

Nell’immobiliare il comparto equity è già ampiamente, e con molto successo, tenuto da Reinvest. Tratteremo in dettaglio nella nuova sezione l’area di crowdfunding in startup ed aziende.

I portali relativi sono molti e diversi da quelli del lending: alcuni esempi sono Crowdfundme, Mamacrowd, Wearestarting e altri di cui parleremo. Le logiche di selezione e di investimento in qualche modo diverse, e pure le modalità di riconoscimento di profitti si discostano molto a quello da cui siamo stati negli investimenti finora trattati nelle pagine del blog.

Furio, un investitore esperto, che da molti anni segue il settore, vedrete sarà la persona giusta per tale ruolo e diventerà anche lui un vostro punto di riferimento. Da qui in avanti terrà articoli in questa nuova sezione dedicata!

Dando quindi il benvenuto a Furio, che scriverà i suoi articoli con lo pseudonimo “FAS”. Credo l’occasione migliore per conoscerlo un attimo sia una sua stessa presentazione. Gli lascio quindi la parola, metaforicamente: ci dirà direttamente qualcosa su di lui.

Presentazione di Furio (FAS)

P2P-Italia: Beh Furio, ancora benvenuto! Dicci qualcosa su di te!

Furio: Ciao, mi chiamo Furio, evitando tediosi particolari sulla mia vita privata, ho incominciato a risparmiare a 8 anni tramite un libretto di risparmio bancario, a 12 ho chiesto a mio padre di investire i miei risparmi in titoli di stato, avviando così il mio percorso nell’ambito degli investimenti. A 19 ho iniziato a investire in borsa affiancando mio padre. A inizio 2022, avendo previsto il calo della borsa di Milano, ho deciso di spostarmi verso altri investimenti in attesa di rientrare ai minimi. Le cose non sono andate così perché ho scoperto l’equity crowdfunding.

P2P: Da quanto tempo investi in equity crowdfunding? Come ti sei approcciato a questa tipologia di investimento? Sei finora soddisfatto?

Furio: Il calo della borsa, ma anche la pandemia e le vicissitudini personali, hanno guidato la mia decisione di rivedere completamente la mia strategia d’investimento nel 2022. Ho abbandonato il mercato azionario tradizionale per esplorare l’equity crowdfunding. Un settore che mi ha permesso di investire in imprese reali, ma con una minore esposizione alla volatilità esogena tipica della borsa.

Il mio approccio è stato cauto come dovrebbe essere per qualsiasi investimento, ho passato mesi a leggere tutto quello che trovavo in rete sull’argomento, in particolare mi sono posto il problema di come valutare delle società appena create con un grande potenziale, ma anche con una probabilità di fallimento a loro sfavore. Dopo aver esaminato vari metodi di analisi e aver visionato centinaia di proposte su varie piattaforme, ho concluso che la capacità di leggere un bilancio e di valutare i fondamentali di un’impresa poteva essere l’approccio più solido e da queste basi ho incominciato ad investire.

Quanto alla soddisfazione, credo che il verdetto finale debba ancora arrivare e dovremo aspettare altri quattro o cinque anni. Nel frattempo, posso affermare con soddisfazione che le quattro società in cui ho investito lo scorso anno sono ancora in piedi – almeno i fondatori non sono scappati con i soldi degli investitori! – e considero ciò un segnale positivo verso il successo futuro. In effetti, una di esse ha recentemente completato con successo un secondo round di finanziamento, confermando ulteriormente la solidità del mio approccio all’equity crowdfunding.

P2P: Nel tuo portafoglio ci sono altre tipologie di investimento oltre all’equity crowdfunding?

Furio: Sì, come accennavo in precedenza, dopo aver liquidato il portafoglio azionario, ho adottato un approccio ponderato nell’equity crowdfunding. Tuttavia, desideravo ottimizzare ulteriormente le mie risorse, evitando di lasciare una considerevole quantità di liquidità sul conto corrente. Questo ha portato alla mia esplorazione di opportunità di investimento a breve termine.

Inizialmente, ho riflettuto sul ritorno ai titoli di stato, ma l’alta inflazione e i rendimenti reali negativi mi hanno spinto a cercare ulteriormente. La mia attenzione è stata catturata dal P2P lending, una forma di investimento a breve termine che si è dimostrata adatta alle mie esigenze.

Ho scoperto anche che gestire un investimento a breve nel P2P lending e un investimento di lungo periodo nell’equity crowdfunding richiede molto meno impegno rispetto a quello richiesto da un investimento azionario. Ritrovandomi con del tempo libero, ho cominciato a studiare le criptovalute, argomento complesso forse di più delle borse valori. Mi sono concentrato sul ridurre le perdite iniziali entrando in un investimento nuovo e complesso. La soluzione l’ho trovata nelle cripto gratuite da move to earn, learn to earn e faucet vari che mi hanno consentito di imparare le basi e iniziare ad investire senza timore di perdere parte del capitale, in quanto questi token sono stati acquisiti gratuitamente.

Vale la pena notare che, sebbene non siano investimenti finanziari, ho iniziato ad esplorare il mondo delle rendite passive, guadagnando un basso rendimento senza sforzo diretto da parte mia, a parte il tempo speso nella ricerca iniziale. Tuttavia, comprendo che questo argomento possa andare al di là del focus del tuo blog.

Infine, ho in mente di rientrare nel mercato azionario in futuro, magari sfruttando le opzioni, una volta che riterrò che le condizioni siano favorevoli. Questa rappresenta la prossima tappa della mia strategia di investimento.

P2P: Cosa porterai qui sul blog? Cosa si può attendere il lettore?

Furio: All’inizio del mio percorso su questo blog, mi concentrerò su articoli introduttivi. Spiegherò i termini chiave che un potenziale investitore incontrerà, condividerò siti utili per semplificare la ricerca di opportunità di investimento e affronterò varie metodologie di valutazione per le start-up.

In modo trasparente e forse un po’ audace, mi impegnerò anche a criticare e analizzare i vari metodi di valutazione esistenti, esponendo le conclusioni a cui sono giunto nel corso delle mie ricerche. Ritengo che la critica costruttiva sia essenziale per lo sviluppo di approcci più solidi e ponderati nell’ambito dell’equity crowdfunding.

Successivamente, tradurrò queste nozioni in azione, applicando le conclusioni alle analisi di società coinvolte in raccolte fondi. Sarà un percorso in evoluzione, e solo il tempo potrà confermare la validità delle mie conclusioni. Spero di offrirvi una prospettiva unica e stimolante sull’equity crowdfunding e gli investimenti in società giovani ed innovative. Continuate a seguire il blog per approfondimenti sul mondo dell’equity crowdfunding e, cosa più importante, per apprendere e crescere assieme nel mondo degli investimenti.

P2P: So che a breve uscirà un articolo dedicato. Ma quali sono secondo te, in poche righe, i vantaggi ed i problemi attuali da risolvere sugli investimenti in equity?

Furio: Con l’entrata in vigore lo scorso 11 novembre del nuovo regolamento europeo, le piattaforme italiane avranno il vantaggio di poter proporre in raccolta fondi anche società europee e non più solo italiane, migliorando le opportunità di investimento offerte. Dall’altro lato, oltre a subire la concorrenza delle piattaforme europee, bisogna vedere quali e quante piattaforme italiane otterranno la licenza per continuare a operare nel mercato del crowdfunding. Riducendo in questo modo la competizione esistente nel mercato italiano.

Dal lato investitori, con l’introduzione della categoria dell’investitore non sofisticato e del questionario di appropiatezza, la piattaforma potrà porre dei limiti agli investimenti. Qualora questi non risultassero appropriati alla situazione patrimoniale e reddituale dell’investitore, aumentando così le tutele esistenti. Questo è un passo significativo per garantire la sicurezza e la consapevolezza degli investitori nel mondo dell’equity crowdfunding.

Grazie mille Furio per esserti unito alla combriccola di P2P-Italia. Il blog sicuramente incrementerà la qualità degli argomenti trattati avendoti a bordo!

A breve uscirà il suo primo articolo di presentazione del settore di investimento, un grande in bocca al lupo! Per voi lettori basterà tenervi aggiornati nel blog per approfittare dei suoi scritti (iscrivetevi alla newsletter se ancora non l’avete fatto!)